Morfopsicologia



Morfopsicologia Terapeutica
Il volto riflette le potenzialità, i conflitti e le loro soluzioni.

Lei vuole essere informato sui seminari e le nuove formazioni ?

Confermiamo la sua iscrizione

La morfopsicologia studia il collegamento fra il volto e la psiche. Il volto è visibile, la psiche no. Come leggere l’interiorità di un essere umano? Non per curiosità malsana, ma per capire meglio l’altro, migliorarne la comunicazione e, quando uno domina la materia, può aiutare gli altri e se stesso con efficienza.

La materia è stata fondata dal Dr. Louis Corman, famoso medico psichiatra (1900 – 1995). Orwin Avalon è stato uno dei suoi alunni diretti. É stato vice presidente della SFM (Società francese di morfopsicologia (1998 – 2002) e presidente fondatore della SIMPA(Società italiana di morfopsicologia) dal 1995.

Su questo argomento, è autore dei libri “Volto e personalità” Ed Mediterranee e co-autore con il Professore Paolo Morselli di “Metamorfosi in chirurgia plastica” Ed. Tecniche Nuove. 

Lo studio della relazione tra volto e psiche è una materia antica, chiamata fisiognomica nel passato. Il genio di Corman è stato quello di integrare questa materia alla psicologia moderna.

La morfopsicologia si appoggia su 4 leggi di base:

LA LEGGE DI DILATAZIONE – RITRAZIONE 
La dilatazione corrisponde alla forza di espansione che domina nell’ infanzia. Psicologicamente rivela l’adattamento al mondo e agli altri. Il soggeto si proietta nell’ oggetto (mondo esteriore). É attore e spontaneo. La ritrazione corrisponde alla forza di conservazione che domina nella vecchiaia. Psicologicamente rivela la tendenza a proteggersi davanti ad un mondo considerato come pericoloso. Il soggetto è più facilmente spettatore e riflessivo.

LA LEGGE DI APERTURA E DI CHIUSURA
Viene espressa dai ricettori sensoriali. I principali sono occhi, naso, bocca. Partecipano della faccia, perciò della mimica. Più i ricettori sono aperti, più il soggetto è aperto, attore e comunicativo. Più i ricettori sono chiusi, più il soggetto è osservatore, prudente e riflessivo.

LE LEGGI DI TONICITÁ E DI ATONIA 
Questo riguarda la tonicità muscolare del volto. Più la pelle è tesa lasciando intravedere la strutura ossea, più l’individuo è tonico, perciò deciso e volontario. Più la pelle è flacida e rilasciata, più l’individuo è tranquillo e rilassato. La sua volontà dovrà essere stimolata.

LA LEGGE DI EVOLUZIONE DELLE FORME SECONDO IL CORSO DELLA VITA
In questa legge si manifesta la genialità di Corman. Come psichiatra, prima e dopo pediatra, ha osservato a lungo l’evoluzione delle forme del corpo umano e del volto. Egli determina 5 tappe maggiori, ognuna delle quali corrispondente ad una età della vita e di consequenza alle caratteristiche psicologiche di questa età della vita.

LA DILATAZIONE ATONICA > 6 primi mesi della vita: psicologia del neonato
LA DILATAZIONE TONICA > da 1 anno alla fine del infanzia: psicologia del bambino
LA RITRAZIONE LATERALE > psicologia dell’ adolescenza
LA RITRAZIONE FRONTALE > psicologia dell’ adulto
LA RITRAZIONE ESTREMA > psicologia dell’ anziano

3 tipologie chiamate di tipo misto vengono aggiunte:
– Concentrato: quadro largo riccetori piccoli.
– Reagente: quadro piccolo, riccetori grandi.
– Ritratto con bozze o passionale: volto con sporgenze e rientranze.

Tutti gli esseri umani entrano in queste categorie.

LA COSA MAGNIFICA É CHE LA LEGGE DI EVOLUZIONE PERMETTE D’ INTEGRARE LA PSICOLOGIA FREUDIANA. Le fissazioni orale, anale, falliche, il livello di risoluzione del complesso edipico sono visibili sul volto. Lo sono anche i conflitti: uno dei più potenti è quello fra maschile e feminile.

ALTRA LEGGE: NON SOLO IMPORTA CIÓ CHE É VISIBILE IN UN VOLTO: LO É ANCHE CIÓ CHE NON SI VEDE (carenza di una tipologia per esempio).

ABBIAMO ANCHE INTEGRATO LA PSICOLOGIA DI C. G JUNG CON LO STUDIO DEL VOLTO. Questo riguarda la croce junghiana che rivela le funzioni dominanti e quelle archaiche: Pensiero, Sentimento, Sensazione, Intuizione. Le funzioni archaiche, possono rovinare la realizzazione di un individuo nella vita, se non lavora con esse.

Un corso indimenticabile. La morfopsicologia è uno strumento molto potente per spazzare via ogni ambiguità interpretativa riguardante noi stessi (e gli altri). E’ schematica, ma è anche raffinata, non è “semplice” perché non lo siamo noi. Può essere una fedele compagna di viaggio in grado di aiutarci a trovare la strada per evolvere, sciogliere noti, supere ostacoli. Uno degli aspetti più interessanti che ho riscontrato in questa disciplina è l’immediatezza con la quale si entra in contatto con se stessi (e con gli altri), si impara ad essere umili spettatori delle debolezze altrui, a essere meno severi o meno indulgenti rispetto alle proprie, si impara a capire senza giudicare, e soprattutto si impara che si può reagire. Orwin è stato molto bravo a guidarci all’interno delle diverse stanze di queste affascinante disciplina, trasmettendoci sia la tecnica sia la giusta visione delle cose. D’altronde bisogna saper vedere, guardare non basta

Massimo Camorani

Buon giorno prof Avalon, sono un’alunna della scuola di Naturopatia di Urbino, è stato un piacere averla conosciuta, in questa settimana di morfopsicologia a Fognano, la ringrazio per tante nozioni che mi ha fornito,sono stati dei giorni importanti per me, ho capito che ” Ad ogni problema c’è sempre una soluzione” grazie di cuore

Ivana Bianca

l mio incontro con la Morfopsicologia e con Orwin Avalon che me l’ha presentata è stato un colpo di fulmine, Amore al primo ascolto.
La disciplina è bellissima offre strumenti per la comprensione in primis di sè stessi e poi anche dei nostri interlocutori. Orwin è un insegnante fantastico: preparato, dinamico, incalzante, rigoroso e divertente al tempo stesso. Non so come farò fruttare questo bellissimo percorso, nè dove mi porterà al termine, l’unica cosa di cui sono certa è che è un viaggio meraviglioso nel quale comincio a vedere e non più a limitarmi a guardare mè stessa e i miei compagni di vita. Consiglio questa formazione a chiunque voglia superare l’apparenza per sondare le profondità dell’animo umano.
Grazie Orwin

Manuela BORDINI

Buona sera maestro, sono Pia una sua allieva, ho ascoltato la lezione di oggi è gli argomenti che trattano l’essere e la sua evoluzione ,non possono non toccare la mia anima. Penso che l’abbandono lo si vive anche tutti i giorni quando ti senti diverso dagli altri eppure così simile. Sono in un momento particolare, ho 50 anni e da sempre le donne mi guardano con pizzico di gelosia e prendono distanze, la vera amicizia è difficile, gli uomini con bramosia e le distanze le prendo io..tutto ciò x spiegarle che io non mordo, potrei dare forse questa idea ma mi sto proteggendo come fanno tutti.Sono sola da 4 anni e ne vado orgogliosa, non sento la necessità della coppia a tutti i costi, quando sara’ il momento verrà da se’ , sono ora concentrata su di me, ora che ho le figlie grandi mi sto occupando della Pia. Una ragazza vive con il ragazzo è l’altra vorrebbe andare a stare da sola nell anno nuovo..ennesimo abbandono doloroso ma che passerà. Vorrei davvero che in una seduta di terapia si potesse risolvere in parte la tristezza che a volte sento e che interferisce con il mio ottimismo un pò davvero infantile e mi fa smarrire, poi Prego il mio animante di starmi vicino e ritrovo forza, equilibrio, insomma siamo , chi più chi meno, tutti in un percorso evolutivo non semplice. Vorrei ringraziarla ,a nome di tutti , per il contributo importante che dà alla scuola e a noi principianti, buona serata

Pia Raschelli

La morfopsicologia per me è un affascinante strumento utile per chi voglia intraprendere un cammino di conoscenza.

Cercare di dare un significato alla nostra forma, permette di comprendere certe dinamiche nelle nostre relazioni con l’ambiente, con gli altri, con gli eventi; lLa nostra morfologia ci parla ad esempio della nostra pulsione ad andare verso il mondo e dell’altrettanto presente necessità di difenderci.
E’ un percorso che necessita di delicatezza e pazienza, ed essere accompagnati da Orwin nello studio di questa disciplina è un privilegio, perchè sa guidare nella complessità del disegno umano, con la profondità del maestro e la gioia del bambino.
Elena PELLIZON